Fotografare a casa al tempo del Covid-19

Fotografare a casa al tempo del Covid-19

Sharing is caring!

Costretti a restare a casa e non poter uscire per andare a fotografare il nostro paesaggio preferito o catturare la luce ideale, abbiamo avuto l’occasione di sperimentare qualche altro genere fotografico e qualche tecnica sconosciuta o poco esercitata.

Molti di noi hanno ritirato fuori il treppiede, varie torce, led e utilizzato la cucina, il bagno e il soggiorno come set fotografico. Ci siamo reinventati e abbiamo iniziato a studiare e scattare fotografie.

Disegnare con la luce o Lightpainting

Il primo esperimento che ho praticato è stato quello di disegnare con la luce. È molto facile creare qualcosa sfruttando la luce, basta una stanza buia, un treppiede, una macchina che possa restare in posa Bulb o Time, un controllo remoto per lo scatto e molta fantasia.

Per prima cosa bisogna creare un set fotografico di quello che si vuole fotografare. In questo caso, ho provato a fotografare una natura morta, o come dicono quelli bravi, uno still life. Era il primo esperimento e la prima volta che provavo a realizzare questo genere fotografico.

Dopo aver creato la composizione, racimolando oggetti vari in casa, ho preparato il set fotografico aggiungendo sullo sfondo un pannello di stoffa nera.

La macchina fotografica l’ho settata, seguendo dei tutorial sulla fotografia, in questo modo:

  • ISO 100
  • Apertura f/18
  • Tempo esposizione: Time o Bulb

Prima di spegnere la luce ho inquadrato la scena e messo a fuoco manualmente.

Dopo aver spento la luce ho aperto l’otturatore con il comando remoto e ho iniziato a pennellare con la torcia la mia natura morta. I passaggi per questo scatto sono stati molto lenti e illuminando la scena dall’alto e dopo 20 secondi ho chiuso l’otturatore.

Logicamente lo scatto va eseguito in RAW, in modo da poter poi intervenire successivamente in post-produzione con Lightroom per correggere la foto scattata.

Foto ottenuta con il Light Painting

Dalle lunghe esposizioni agli scatti ad alta velocità.

La seconda tecnica che ho provato è quella di scattare fotografie alle gocce d’acqua o come dicono quelli bravi Water Drops Photography, in questo link qualche splendido esempio.

Però oltre a scattare alla classica goccia d’acqua che cade in un recipiente, realizzando il bellissimo schizzo in alto, ho voluto giocare con una fragola facendola cadere in un recipiente di vetro pieno di acqua.

Anche qui il set fotografico è stata la cucina, un lavello di acciaio, un contenitore di vetro trasparente, un panno azzurro, una fragola e tanti schizzi.

A differenza della foto precedente, dove l’otturatore era rimasto aperto per 20 secondi, in questo genere di fotografia, deve rimanere aperto per pochissimi centesimi di secondi.

Per scattare questa foto, mi sono aiutato con un flash esterno.

Le impostazioni della macchina sono state:

  • ISO 200
  • Apertura f/5.6
  • Tempo di esposizione: 1/200

Sono giunto a queste impostazioni dopo varie prove visionate prima sul display e poi al monitor del computer.

Questo genere di fotografia, oltre a schizzare dappertutto, è un po’ difficile da realizzare se non si ha un trigger per cogliere il momento esatto dell’acqua che cade.

Non avendo un trigger di questo genere, anche qui ho scattato varie foto prima di capire quando scattare per ottenere il momento esatto della fragola in acqua.

Prima di scattare ho messo a fuoco manualmente, lasciando galleggiare la fragola nella bacinella. In questo modo ogni scatto era esattamente a fuoco.

Sempre per rimanere in tema di scatti veloci, ho provato anche a scattare fotografie al fumo. In questo set fotografico mi sono dotato di un Lightbox fotografico acquistato online, ma che volendo si può costruire tranquillamente a casa con una scatola, della carta velina o carta forno e del nastro adesivo.

Lightbox portatile

Per catturare i ciuffi di fumo serve sempre un treppiede, uno scatto da remoto, dell’incenso e un flash esterno per illuminare la scena dall’alto. Ho provato anche utilizzando una lampada posizionata sopra il lightbox e il risultato non era affatto male.

Le impostazioni della macchina sono:

  • ISO 200
  • Apertura f/ 5.6
  • Tempo di esposizione 1/200

Per eseguire questi scatti, ho prima messo a fuoco manualmente nel punto dove il fumo sarebbe passato, oscurato la stanza e posizionato il flash esterno o la lampada sopra al set fotografico.

Fotografare il fumo

Anche qui, prima di arrendermi, ho eseguito tanti scatti prima di arrivare a questo risultato, giocando sulla potenza del flash per rendere il fumo più o meno bianco. Poi in lightroom mi sono divertito anche a cambiare il colore del fumo, giocando con le tonalità.

Fotografare il fumo e modificare il colore in Lightroom

Restare a casa è stata una vera forzatura per tutti ma ci ha dato la possibilità di sperimentare, di creare e di mettere a nudo la nostra fantastica creatività. Adesso dobbiamo solamente aspettare il via libera per tornare a scattare nei nostri luoghi preferiti o andare a scoprirne di nuovi.

Buona luce a tutti.

Daniele Trombetti

Figlio di fotografo tradizionalista che brontola sempre: Con il digitale puoi scattare quante foto vuoi. Con la pellicola devi scattare la foto!

Related Posts

Francesco Olivieri

Francesco Olivieri

Home vintage items

Home vintage items

Come insegnare ai bambini le meraviglie della fotografia

Come insegnare ai bambini le meraviglie della fotografia

Fotografare la vita di tutti i giorni. Come raccontare la quotidianità.

Fotografare la vita di tutti i giorni. Come raccontare la quotidianità.

Iscriviti alla Newsletter

Mario Giacomelli

La fotografia è una cosa semplice. A condizione di avere qualcosa da dire.