Come fotografare la neve

Come fotografare la neve

Sharing is caring!

I paesaggi imbiancati dalla neve hanno un fascino non indifferente, ma riuscire a cogliere la magia prima che si sciolga non è un’impresa facile come può sembrare. 

In questo articolo ti spiegherò come fotografare la neve al meglio.

Il problema più comune quando fotografiamo la neve è la sottoesposizione

La macchina fotografica cerca di esporre per ottenere una combinazione totale dei colori dell’immagine che è un grigio neutro (18%), che va abbastanza bene per la maggior parte delle situazioni, ma non quando fotografiamo la neve

Questo perché la neve è bianca e riflette la luce. L’esposimetro leggerà tantissima luce nell’immagine e quindi di conseguenza la macchina ci chiederà di abbassare l’esposizione e scurire l’immagine. Il risultato? L’immagine risulterà sottoesposta, troppo scura, la neve risulterà grigia. 

Per evitare questo inconveniente bisognerà esporre facendoci aiutare dall’istogramma, per evitare di bruciare il bianco della neve

Impostazioni per fotografare sulla neve 

Scattiamo in raw

Come regola generale, ti raccomandiamo sempre di scattare in raw, perché è il formato con il maggior numero di dati di scatto, permettendoti di post-produrre l’immagine. Questo è particolarmente utile quando si scattano fotografie con la neve perché permette di aggiustare l’esposizione ed il bilanciamento del bianco che sono molto difficili da cogliere perfettamente in camera. 

Scattiamo in priorità di diaframma

Ti consigliamo di scattare in priorità di diaframma, lasciando che la tua camera aggiusti i tempi di scatto per te (fai però attenzione al mosso). Un’apertura tra f.8 e f.11 è generalmente ottimale per fotografie paesaggistiche, mentre aperture più grandi, f.4, f.2.8, o meno se la tua camera lo permette, sono ideali per cogliere ed isolare dettagli

Attenzione ai tempi di scatto 

Con il freddo e le mani tremanti è importante non scattare troppo lentamente per evitare mosso e micro-mosso. Se hai un cavalletto a tua disposizione usalo. Come detto, l’esposizione che la tua camera ti darà in automatico è quasi sicuramente non corretta, quindi dovrai andare ad utilizzare la rondella di compensazione dell’esposizione per trovare l’equilibrio giusto. Un buon punto di partenza è un +1, ma fai sempre qualche test ed aiutati con l’istogramma: ogni situazione è a sé.

Come impostare correttamente il bilanciamento del bianco per foto sulla neve perfette 

Il bilanciamento del bianco può essere un alleato vincente nelle nostre fotografie invernali. Infatti, la regolazione che andremo ad utilizzare farà una grossa differenza nell’immagine. È il principale strumento a nostra disposizione per dare un’impressione di “freddo” o “caldo”.

Cerca di utilizzare la stessa impostazione di bilanciamento del bianco in tutte le foto quando scatti in raw e le condizioni di luce sono simili, perché il bilanciamento del bianco tende a variare molto se lasciato in automatico, costringendoti a fare regolazioni individuali per tutte le foto in post-produzione.

Paesaggi con la neve – Come mettere a fuoco

Sulla neve non è semplice mettere a fuoco sui bianchi, molto spesso l’auto-focus ricerca continuamente il punto di messa fuoco avanti e indietro.

Se scatti in autofocus, cerca un’area con molto contrasto, alla distanza in cui desideri mettere a fuoco, schiaccia il pulsante di scatto a metà, ricomponi l’immagine e scatta

Se scatti con fuoco manuale, affidati al tuo occhio, usa se puoi la funzione live-view, zoomando sull’immagine per assicurarti che il fuoco sia corretto.

Utilizziamo la neve a nostro vantaggio, ma senza essere banali

La neve ha questa fantastica abilità di semplificare di molto immagini, infatti sotto il suo manto bianco nasconde prati, rocce ed altri elementi che altrimenti potremmo trovare disordinati e poco piacevoli, rendendo la scena più armoniosa. Ma rende anche più difficile trovare una bella composizione, proprio per questa semplificazione del paesaggio. 

Quindi per non essere banali, dedica un po’ più di tempo alla composizione, alla ricerca delle linee guida che diano profondità all’immagine, oppure di inquadrare qualche soggetto interessante nella linea dei terzi. 

Ma senza esagerare…

Il Colore

La maggior parte delle scene invernali sono piuttosto monocromatiche, la neve tende a creare delle scene vicine al bianco e nero, ma se riusciamo ad aggiungere un tocco di colore nelle nostre scene sicuramente potremmo creare immagini d’impatto. L’aggiunta di colore fa una bella differenza nelle immagini.

Sperimentiamo anche il bianco e nero, i contrasti di luce sulla neve possono creare situazioni affascinanti da non perdere.

Fotografa i fiocchi di neve e i cristalli di ghiaccio

Se hai una lente macro, ovvero che ti permette di fotografare con distanze ridotte, vale sicuramente la pena di scattare qualche fotografica ai fiocchi di neve o ai cristalli di ghiaccio. Le loro geometrie uniche li rendono un soggetto a dir poco affascinante. 

I trucchi per fotografarli al meglio sono: 

  • Scatta in controluce, i fiocchi di neve danno il loro meglio quando illuminati da dietro. Se non c’è il sole non è necessario usare costosi flash o luci specifiche, sarà sufficiente una semplice torcia (anche quella dello smartphone andrà bene), con un sacchetto di plastica sopra per ammorbidirne la luce. 
  • Utilizza uno sfondo scuro. I tessuti si prestano particolarmente bene, inoltre i colori scuri fanno risaltare ancora di più la lucentezza e le forme dei cristalli di neve. 

Consigli tecnici 

Proteggi le batterie della camera dal freddo 

Il freddo tende a far scaricare le tue batterie più in fretta, un buon consiglio è quello di tenerle in tasca, per mantenere la loro temperatura più alta.

Porta un pannetto per la lente 

I fiocchi di neve hanno un’abilità particolare di fluttuare nell’aria ed appiccicarsi alla tua lente, un panno in microfibra è necessario per pulirla regolarmente.

Proteggi la tua camera dalla condensa

I passaggi di temperatura da freddo a caldo possono essere fatali per la camera e per la lente. Quando l’attrezzatura fredda entra a contatto con l’aria calda, il vapore presente nell’aria si condensa, formando tante piccole goccioline che si appiccicano alla fotocamera e ai suoi componenti (nell’elettronica, nelle ottiche, ed in certi casi nel sensore) e possono rovinare l’attrezzatura. 

Quando sei all’esterno il freddo non crea nessun problema alla tua attrezzatura, ma prima di portare la fotocamera all’interno di un ambiente caldo mettila nello zaino (un buon zaino fotografico ben chiuso).

A questo punto è fondamentale NON APRIRLO! Preferibilmente per parecchie ore, e/o tutta la notte, in modo che l’aria fredda all’interno dello zaino abbia modo di scaldarsi piano piano, senza formare condensa.

Ti consiglio di utilizzare un sacchetto di plastica ermetico in cui mettere l’attrezzatura, di modo che l’aria fredda al suo interno non venga a contatto con quella calda all’esterno e non possa formare condensa. La regola del non aprire il sacchetto fino alla mattina dopo vale anche qui.

Fotografare neve, ma non solo

Ghiaccio, nebbia, brina sono tutti elementi che possiamo ricercare ed utilizzare per arricchire le nostre composizioni. Specialmente quando si fotografano dettagli, possono aiutarci a dare vita ad immagini affascinanti. 

Attendiamo quanto prima i tuo scatti invernali.

Francesco Pulice

Related Posts

Reflex o Mirrorless?

Reflex o Mirrorless?

Cosa serve per la fotografia paesaggistica?

Cosa serve per la fotografia paesaggistica?

Francesco Olivieri

Francesco Olivieri

Fotografare a casa al tempo del Covid-19

Fotografare a casa al tempo del Covid-19

Iscriviti alla Newsletter

Mario Giacomelli

La fotografia è una cosa semplice. A condizione di avere qualcosa da dire.